Un breve flash sulla storia ti Turing

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Avatar utente
Sciamano
Utenti Storici
Messaggi: 535
Iscritto il: martedì 4 agosto 2009, 14:35

Un breve flash sulla storia ti Turing

Messaggio da Sciamano » domenica 13 gennaio 2013, 0:45

La storia è poco allegra... pensavo di non pubblicarla, siccome è venuta fuori parlando con qualcuno... e mi è stato consigliato di pubblicarla comunque, perché quanto meno è realmente accaduta, anche se fortunatamente riguarda un periodo ormai passato, la pubblico. È estratta dal libro "Codici & Segreti" di Simon Singh:
Alan Turing fu un altro crittoanalista che non visse abbastanza per ottenere il riconoscimento che meritava. Invece di essere considerato un eroe, fu perseguitato per la sua omosessualità. Nel 1952, denunciando un furto con scasso, rivelò ingenuamente alla polizia di avere una relazione con una persona dello stesso sesso. I tutori dell'ordine ritennero di non poter far altro che arrestarlo, e accusarlo di «atti gravemente contrari alla pubblica decenza come dalla sezione 11 dell'Emendamento della Legge del 1885 del Codice penale». Il processo e la condanna che seguirono furono riferiti dai giornali, e Turing venne pubblicamente umiliato.

Ora che l'omosessualità di Turing non solo era nota, ma era stata divulgata dai media, il governo britannico lo privò dell'accesso a tutte le informazioni riservate. Fu anche escluso dalle ricerche sui calcolatori elettronici. Costretto a consultare uno psichiatra, fu sottoposto a una terapia ormonale che lo rese impotente e obeso. Nei due anni seguenti egli cadde in una grave forma di depressione, e il 7 giugno 1954 entrò nella sua camera da letto con un recipiente di soluzione di cianuro e una mela. Vent'anni prima aveva canticchiato la canzone della Strega Cattiva: «Tuffa la mela nel boccale / Che la impregni il sonno mortale». Adesso poteva abbandonarsi alla strana malìa di quelle strofe. Immerse nel veleno il frutto e lo morse. Finiva così, a quarantadue anni di età, l'esistenza di uno dei più grandi crittoanalisti.
Aggiungo anche questo pezzo:
[...] D'altra parte, alla Scuola governativa di codici e cifre tutto era top secret, e i brillanti risultati di Turing non oltrepassarono i confini di Bletchley Park. Basti dire che i genitori di Alan non sapevano che il figlio si occupasse di trasmissioni in codice, tanto meno che fosse in quel momento il crittoanalista di punta della Gran Bretagna. Una volta egli aveva accennato a sua madre di esser coinvolto in alcune ricerche di carattere militare, senza scendere in particolari. Quanto a lei, si era limitata a rammaricarsi che ciò non comportasse un buon taglio di capelli per il suo trasandato figliolo. In realtà, anche se Bletchley era diretto da militari questi ultimi si rendevano conto di dover chiudere un occhio sulle eccentricità di certi professori. Turing si rasava quando capitava, non si puliva le unghie e i suoi vestiti parevano ripescati tra i panni da portare in lavanderia. Resta da chiedersi se i suoi superiori in uniforme avrebbero tollerato, oltre a tutto questo, anche la sua omosessualità. «Meno male che gli alti papaveri non sapevano che era dell'altra sponda», ha osservato Jack Good, un veterano di Bletchley «o rischiavamo di perdere la guerra».
Cercare la felicità rispettando gli altri, sarebbe una grande conquista per l'umanità!

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2405
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Un breve flash sulla storia ti Turing

Messaggio da Alyosha » domenica 13 gennaio 2013, 1:03

Non conoscevo nel dettaglio la storia, che straziò in effetti!

Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: Un breve flash sulla storia ti Turing

Messaggio da konigdernacht » domenica 13 gennaio 2013, 13:18

Gli anni cinquanta furono un periodo di enorme fermento pro e allo stesso tempo contro la causa omosessuale in Inghilterra.
Oltre al caso Turing, abbiamo anche il caso di Peter Wildeblood, un giornalista che venne condannato a 18 mesi di prigione nel 1954, per un fatto accaduto nel 1953; il caso destò molto scalpore nell'opinione pubblica perché in questo processo vennero coinvolti due uomini della Royal Air Force e un nobile, Lord Montagu of Beaulieu, anche egli condannato a 16 mesi.
Questo processo destò molto scalpore anche perché era dai tempi di Oscar Wilde che una corte di giustizia inglese non condannava dei cittadini britannici per buggery, che significa sia sodomia sia bestialità.
Tuttavia, nel male delle condizioni, questo processo portò alla redazione del Wolfenden Report (Report of the Departmental Committee on Homosexual Offences and Prostitution), uno studio ritenuto serio ed approfondito che sostenva la depenalizzazione del reato per omosessualità e che portò all'approvazione del Sexual Offences Act nel 1967, Act che sostituiva le due leggi ottocentesche precedenti in materia di sodomia.
Non tutti i mali vengono per nuocere!

PS. sempre mali rimangono chiaramente, tant'è che nel 2009 tutti i membri del Parlamento hanno rivolto le loro scuse per la vicenda Turing (notizia sul Guardian)
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht

Avatar utente
Landon
Messaggi: 212
Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 21:00

Re: Un breve flash sulla storia ti Turing

Messaggio da Landon » domenica 13 gennaio 2013, 21:58

Sciamano,grazie per aver pubblicato questa storia. E' molto triste sapere che tutto questo sia accaduto pochi decenni fa...

Rispondi